One thought on “Viet Blues”

  1. Lasciamo per un secondo da parte Jos Mu oz e il suo tratto, quel bianco e nero che va ingrossandosi tavola dopo tavola, quelle facce, quei quartieri di periferia, quegli uffici, quei bar, lasciamo fuori solo per un attimo tutto questo dal commento.Per una volta invece, parliamo della penna di Carlos Sampayo, della sua scrittura, dei dialoghi Ecco, parliamo di questo e chiediamoci che cazzo di scrittore mostruoso Sampayo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *